Il coltello giapponese Usuba

Coltello giapponese usuba

Coltello giapponese usuba

Il coltello giapponese Usuba fa parte della famiglia dei coltelli giapponesi pregiati ed è tipicamente usato per le verdure.
Usuba in giapponese significa “lama sottile”.
La lama rettangolare è leggermente più allungata e più stretta del coltello Nakiri (chiamato anche Caddie), la punta è quadrata, l’affilatura è su un solo lato ed è detta affilatura asimmetrica. E’ un coltello un po’ più difficile da capire, usare e affilare rispetto a un Nakiri (Caddie), ma dà grandi soddisfazioni nella precisione del taglio.
La lama di un vero Usuba, sul lato non affilato è leggermente concava (urasuki), anche se a occhio la concavità praticamente non si vede, e questo serve a diminuire l’adesione e l’attrito rendendo più scorrevole l’operazione di taglio! Anche i rasoi da barbiere hanno un lato concavo.
particolare della lama di un coltello usubaLa lama, dal lato dell’affilatura, è bombata tramite un gioco di angoli che oltre a dare forza alla struttura del coltello ne creano la particolare forma. L’altro lato è liscio.
Il filo della lama, essendo affilato da un solo lato, ha un’angolazione molto stretta e quasi non si vede. L’Usuba è parecchio robusto e molto tagliente. Tipicamente, nei modelli di discreta qualità la parte centrale è realizzata da un acciaio durissimo che crea anche il filo della lama e poi si hanno successivi rivestimenti (filo escluso) di acciai di varie durezze per conferire forza e caratteristiche di taglio.
La lama alta permette tagli in profondità negli alimenti e un sicuro appoggio sulle seconde falangi per il taglio veloce professionale.
Esiste anche nella versione con la punta stondata e si chiama Kamagata Usuba, ma è un’altra cosa…
Il taglio è preciso, le verdure rimangono perfettamente integre e anche con i tagli più strani non si ha l’effetto “spiaccicato/spappolato”; soprattutto in una preparazione come quella di un semplice soffritto si nota la stragrande differenza!
Nonostante non sia uno spelucchino, l’Usuba si presta bene anche a lavoretti di precisione sulle verdure. Le verdure si staccano naturalmente dalla lama dopo il taglio.
Attenzione, i mancini che intenderanno comprarlo dovranno chiedere il coltello con l’affilatura dall’altra parte rispetto al modello standard! L’affilatura per destri si trova sul lato destro del coltello. Questo è valido per tutti i coltelli con l’affilatura da una sola parte.
Occhio alle imitazioni! Molti chiamano Usuba qualunque coltello con lama rettangolare, ma non è affatto così! Se è liscio e affilato da entrambe le parti non sarà un Usuba, ma piuttosto un Nakiri.
Alcune lame Usuba di pregio sono lucidate a specchio in un modo tale da sembrare quasi finte, verniciate.
I manici in corno sono assolutamente da evitare!

L’Usuba che possiedo ha le seguenti caratteristiche:

Lunghezza della lama: 6 ½ pollici, 16,5 centimetri

Lunghezza del manico:  5 pollici, 12,7 centimetri

Larghezza della lama: 46 millimetri lato manico, 41 millimetri alla punta

Peso: 220 grammi

Grado di durezza: 61(±1) HRC *

* HRC = Hardness Rockwell Cone, ovvero scala di Rockwell, misura la durezza di un materiale. Gli acciai delle lame dei coltelli occidentali hanno una durezza tipica di 54-59 HRC.

One Comment;

  1. Fausta said:

    È molto strano di forma. Comunque i coltelli giapponesi mi affascinano. quando vedo tagliare il pesce o altro così sottile e con tanta facilità immagino cosa succederebbe se l’avesse in mano uno come me che per tagliarsi è l’asso!!!

*

Top